it-swarm-eu.dev

La ricerca è un elemento di navigazione necessario?

Spesso ho argomenti sulla navigazione al lavoro con i programmatori che pensano che la ricerca sia una parte obbligatoria di qualsiasi navigazione. Penso che ciò sia dovuto al fatto che i programmatori sono utenti di computer avanzati che usano molto la ricerca e quindi hanno una preferenza. Ma non ho visto alcuna prova che la navigazione non sia efficace senza la ricerca. Molti siti sono facili da navigare e utilizzare senza di essa, anche se ovviamente aggiunge qualcosa quando esiste. Tuttavia, inserire la ricerca nella navigazione non è in genere sufficiente: la ricerca è un paradigma completamente diverso e richiede la stessa attenzione per essere eseguita correttamente. Non puoi semplicemente "buttarlo lì" - non è solo un caso di "impostare Lucene", come a volte sento.

Quindi, ci sono prove che la ricerca è necessaria per far funzionare la navigazione?

Nessuna opinione, per favore - cerca prove concrete, letteratura, riferimenti, ecc.

13
Rahul

Molte prove concrete, letteratura e riferimenti possono essere trovati a partire da questo articolo su searchtools.com. Seguono alcuni estratti. L'essenziale (secondo la mia comprensione/opinione) è questo: un'interfaccia utente dovrebbe consentire all'utente di fare esattamente quello che vuole fare nel modo più efficiente possibile. Se l'utente vuole cercare qualcosa, dai loro uno strumento di ricerca. Detto questo, concordo con te al 100% sul fatto che una ricerca non è qualcosa su cui puoi semplicemente basarti su un'interfaccia utente esistente. È necessario riflettere molto su come è progettato, con l'obiettivo finale di aiutare l'utente a trovare ciò che sta cercando. Google PageRank è un ottimo esempio. Agli utenti non importa quante parole chiave un web designer amatoriale può inserire in una pagina, quindi i metodi di ricerca tradizionali sono per lo più inutili. Adattando l'algoritmo di ricerca per fornire classifiche più elevate a siti popolari e ben referenziati, Google arriva molto vicino alla corrispondenza esattamente di ciò che l'utente desidera.

La maggior parte dei riferimenti seguenti sono pro-search, ma penso che il seguente fumetto arrivi davvero al cuore della questione. Una funzione di ricerca da sola non è sufficiente.

1 . http://www.internettg.org/newsletter/dec00/article_information_foragers.html

information seeking online: a negotiation between user and system

È importante notare che la ricerca di informazioni non equivale a una "navigazione" senza scopo. Il foraging si riferisce alla varietà di strategie che i cercatori mostrano nella loro ricerca di informazioni e al modo in cui gli umani si adattano al loro ambiente su base situazionale. Di conseguenza, in un mondo ricco di informazioni, le vere sfide progettuali non sono solo come facilitare la ricerca e la raccolta di informazioni, ma anche come ottimizzare il tempo del ricercatore.

2 . http://www.wired.com/science/discoveries/news/2001/06/44321

Secondo la ricerca di Chi, le persone iniziano quasi sempre con un motore di ricerca, quindi si impegnano in quello che lui chiama "hub-and-speak" surf: iniziano al centro e seguono un percorso basato sul suo profumo informativo.

3 . http://www.wqusability.com/articles/search-is-normal-upa2008.pdf

Uno degli schemi sorprendenti è che gran parte della ricerca mostra evidenti prove di "jump search", usando la casella di ricerca come una scorciatoia per accedere a contenuti noti; ad esempio, circa il 10% delle ricerche cerca un corso in base al suo numero di codice.

4 . http://www.useit.com/alertbox/20050509.html

Gli utenti ora hanno aspettative precise per il comportamento della ricerca. I disegni che invocano questo modello mentale ma funzionano in modo diverso sono confusi.

La ricerca è una parte così importante dell'esperienza utente Web che gli utenti hanno sviluppato un modello mentale solido per come dovrebbe funzionare. Gli utenti si aspettano che la ricerca abbia tre componenti:

  • Una casella in cui possono digitare parole
  • Un pulsante con l'etichetta "cerca" su cui fanno clic per eseguire la ricerca
  • Un elenco dei migliori risultati lineari, con priorità e visualizzati in una nuova pagina: la pagina dei risultati dei motori di ricerca (SERP)

Nei test degli utenti, le persone ci dicono che vogliono che la ricerca su siti Web e intranet funzioni come X, dove X è il loro principale motore di ricerca preferito. Fortunatamente, tutti e tre i principali motori (Google, Yahoo e MSN) funzionano allo stesso modo: esattamente come indicato nell'elenco sopra.

Vedi anche :

http://www.uie.com/events/virtual_seminars/search_patterns
http://www.smashingmagazine.com/.../designing-the-holy-search-box

14
e.James

Steve Krug nel suo libro " Non farmi pensare " sull'usabilità spiega che molti utenti (e non utenti di computer avanzati) passano direttamente alla casella di ricerca e non conoscono un altro modo per trovare ciò che vogliono.

Vedi "Fatto della vita # 3":

Il mio esempio preferito sono le persone (e ne ho viste decine da me) che scriveranno l'intero URL di un sito nella casella di ricerca di Yahoo ogni volta che vorranno andare lì, non solo per trovare il sito per la prima volta, ma ogni volta che vogliono andarci, a volte più volte al giorno. Se glielo chiedi, diventa chiaro che alcuni di loro pensano che Yahoo sia Internet e che sia così che lo usi.

5
Mart

Secondo Jakob Nielsen , studi

mostra che più della metà degli utenti è dominante nella ricerca , circa un quinto degli utenti è dominante nei link e il resto mostra comportamenti contrastanti.

Afferma inoltre che "Come regola generale, i siti con più di circa 200 pagine dovrebbero offrire la ricerca".

Certo, è un articolo del 1997 (seguito da un aggiornamento del 2001 ). IMO, si può sostenere in entrambi i casi se queste statistiche sono oggi meno rilevanti o più rilevanti oggi.

3
Hisham

Penso che la ricerca sia complementare alla normale navigazione, solo considerando i seguenti scenari:

1) l'utente non ha mai visitato il tuo sito, si chiede cosa ci sia dentro, cerca una barra di navigazione e inizia a esplorare, poi trova qualcosa di interessante e lo legge a fondo

2) pochi giorni dopo lo stesso utente ha bisogno delle informazioni che ha letto sul tuo sito e decide di tornarci. La prima cosa che cerca è una barra di ricerca in cui può inserire le parole chiave che ricorda dal tuo articolo. Se non riesce a trovarlo, cercherà di esplorare il tuo sito utilizzando la navigazione standard come prima, ma la sua esperienza sarà sicuramente più negativa perché ci vorrà più tempo e se il tuo sito è pieno di contenuti aggiornati abbastanza regolarmente, potrebbe anche non essere in grado di trovare l'articolo a meno che non inizi a sfogliare gli archivi.

A proposito di come effettuare la ricerca, sì, devi farlo nel modo giusto, altrimenti se il contenuto non viene visualizzato l'utente potrebbe pensare di averlo rimosso, comunque ci sono alternative a Lucene e la ricerca del sito di Google in sé è abbastanza fattibile penso.

1
Michele