it-swarm-eu.dev

Ciclo di vita completo, versione controllata, documentazione UX - È possibile?

Attualmente sto cercando di implementare un sistema di documentazione UX utilizzabile, semplificando il flusso di lavoro tra ricercatori utente/specialisti dell'usabilità, architetti dell'informazione e visual designer.

Giusto per essere chiari, è solo il processo di documentazione che sto litigando con il processo UX stesso! L'attuale processo di documentazione è:

  • IA produce wireframe in un documento.
  • Lo specialista dell'usabilità conduce la revisione di esperti, tagliando e incollando i wireframe in un documento separato aggiungendo callout e note.
  • IA modifica il documento wireframe originale.
  • Il ricercatore utente completa il test utente, crea un nuovo feedback per l'acquisizione di documenti.
  • IA modifica il documento wireframe originale.
  • Il visual designer (possibilmente esterno) lavora da una moltitudine di documenti.
  • Visual designer crea un documento di modelli di progettazione visiva per la revisione.
  • Progetto di revisione di IA, UR e VD, le note sono catturate nel modello di documento.
  • Lo sviluppatore (possibilmente esterno) che lavorerà da una moltitudine di documenti, quindi inizia a lavorare ...

Sono in totale 5 documenti (e diverse versioni di ognuno di questi). Disordinato per non dire altro.

Il mio sistema/flusso/processo di documentazione "ideale" è il seguente:

  • IA produce wireframe in un documento (versione controllata; il pubblico è specialista dell'usabilità)
  • Lo specialista dell'usabilità conduce la revisione di esperti, aggiunge un "livello" di callout/note al documento wireframe (versione controllata; il pubblico è IA)
  • IA modifica i wireframe (versione controllata; il pubblico è ricercatore utente)
  • Il ricercatore utente completa il test utente, acquisisce il feedback in un nuovo "livello" callout/note al documento wireframe (versione controllata; il pubblico è IA).
  • IA modifica il documento wireframe originale (versione controllata; il pubblico è Designer).
  • Il visual designer lavora da un unico documento: se necessario, è possibile visualizzare/tracciare la cronologia dei documenti dei livelli nota/callout.
  • Il visual designer aggiunge i propri progetti al documento/sistema, è possibile aggiungere note da UR, IA e altri VD per apportare modifiche.
  • Lo sviluppatore inizia a lavorare ...

E così per le mie domande ... È possibile? È pratico? In tal caso, esiste un sistema di controllo della documentazione/versione che potrebbe gestirlo?

Saluti.

9
Chris McQueen

Penso che questo sia assolutamente pratico fintanto che scegli il giusto supporto di documentazione per contenere le diverse risorse.

Per esempio

Produco wireframe in formato tabloid che stampo fino ad A4 - entrambi sarebbero troppo grandi per essere contenuti e visibili in un singolo documento di Word (che potrebbe essere aggiornato). Il modo per aggirare questo è prendere schermate da inserire nel documento e quindi includere il file wireframe in una cartella dell'appendice (che aumenterebbe nuovamente il numero di file).


Un modo di vedere questo è unificare gli strumenti che il tuo IA e lo Specialista di Usabilità stanno usando in modo che possano lavorare sullo stesso file: esistono molti modelli di visio e omnigraffle per consentire l'esistenza di note e call-out in una griglia wireframe. Un unico documento per la parte del processo UX.

Anche il progettista potrebbe inserire i propri file di Photoshop dopo il relativo wireframe nel singolo documento.

Utilizzando un servizio come drop box (ad esempio) è possibile ottenere un numero illimitato di versioni (che mi ha salvato la pelle) in modo che la singola cartella conterrà la versione più aggiornata con le versioni precedenti disponibili tramite l'utilità di controllo della versione dell'applicazione drop box.

Puoi ottenere lo stesso risultato con SVN, Visual Source Safe ecc. Ma richiedono un intervento manuale per controllare il file. Drop Box funziona quando si salva il file.

HTH

Opaco

3
Matt Goddard

Ci sono molte cose a cui pensare quando si tratta di controllo della versione e flussi di lavoro:

  • Desideri che le persone possano collaborare contemporaneamente a un documento? In tal caso, è necessario impostare sia il sistema di controllo della versione che il software per gestirlo: SharePoint è abbastanza buono in termini di integrazione di Office, ma immagino che avresti file PhotoShop, Visio, OmniGraffle, Axure con cui affrontare, ecc.
  • Sei contento che una persona sia in grado di bloccare le modifiche? Con sistemi come EMC Documentum e SharePoint, verificando un documento significa che le altre persone non possono (generalmente) modificarlo e archiviarlo. Altrimenti si otterranno molti rami e difficoltà con le fusioni (specialmente con i documenti; meno con il codice, ma solo un po ').
  • Alcuni sistemi di gestione del flusso di lavoro ti consentono di gestire chi è il pubblico in una determinata fase del ciclo di vita del documento. Questo può richiedere alcune impostazioni, tuttavia: SharePoint è abbastanza facile; Documentum richiede un po 'più di lavoro.
  • Cosa sei disposto a spendere? A seconda della tua organizzazione, SharePoint potrebbe far parte di un accordo più ampio con Microsoft. Esistono molti progetti open source, ma riguardano principalmente codice e contenuto, non documenti (correggimi se sbaglio).
  • Gestirai il documento o il contenuto? I CMS sono bravi a l'ultimo; prodotti come Documentum il primo.

Ci dispiace, molte cose da considerare! La risposta è sicuramente un sì, puoi farlo, pensato che dovrai fare un po 'di lavoro per farlo corrispondere al tuo flusso di lavoro e requisiti di gestione. La mia prospettiva è piuttosto basata sulle imprese, quindi sarebbe bello sentire cosa pensano gli altri al di fuori di questo mondo!

2
Alastair J