it-swarm-eu.dev

Dichiarazioni di accessibilità: vale la pena avere sui siti Web?

Attualmente lavora per un cliente che aveva una dichiarazione di accessibilità generica molto vaga sul sito, fino a un paio di mesi fa, quando il sito è stato riprogettato e la dichiarazione è stata lasciata fuori dalla IA.

Stanno ora cercando di reintrodurlo, anche se aggiornato per comprendere gli standard a cui ora il sito aderisce.

Sono strappato però. Da un lato posso vedere che supportano la trasparenza e la responsabilità, ma dall'altro, non ho mai visto un utente effettivamente leggerli (dato che ho effettuato test con utenti con disabilità specifiche - mobilità e disabilità visive). Potrebbe solo aggiungere rumore a un sito già in bilico su "ingombra"?

Pensi che valga la pena avere dichiarazioni di accessibilità sui siti Web?

10
Ali

Mi piace avere una sezione "Accessibilità" nella pagina Imprint/Contatti. Contiene una breve dichiarazione di conformità (↓ vedi sotto) e un indirizzo e-mail speciale utilizzato esclusivamente per gli argomenti di accessibilità. Incoraggio i visitatori a segnalare eventuali problemi di accessibilità su cui si imbattono e offro aiuto se i visitatori hanno problemi ad accedere a determinate parti/contenuti.

Grazie a tale affermazione, i visitatori vedono che mostri interesse per l'accessibilità. Se notano un problema di accessibilità, immagino che abbiano maggiori probabilità di segnalarlo. Se una tale dichiarazione manchesse, potrebbero pensare "È solo un sito tipico che non presta alcuna attenzione all'accessibilità" e andare avanti. Una dichiarazione di accessibilità sottolinea la responsabilità.


Per WCAG 2.0, è facoltativo richiedere conformità . Ma se hai un reclamo, esso deve contenere :

  • data del reclamo
  • un collegamento alla specifica utilizzata (collegamento alla versione datata), con titolo e numero di versione
  • quale livello di conformità è soddisfatto (A, AA o AAA)
  • un elenco/descrizione delle pagine per le quali è stato presentato il reclamo
  • un elenco di tecnologie (HTML, CSS, JS, PDF, Flash, ...) che i visitatori devono supportare/abilitare

Inoltre, ci sono componenti opzionali (consigliati .

Se il tuo sito ospita contenuti inviati dall'utente (che vengono pubblicati dopo aver verificato le regole WCAG soddisfatte), dai un'occhiata a Dichiarazione di conformità parziale - Contenuto di terze parti .

7
unor

Penso che valga la pena avere - responsabilità e trasparenza tra le ragioni. In alcuni casi possono essere richiesti e sono legati alla conformità dell'accessibilità. Per quanto riguarda la riduzione del rumore, posizionalo in un punto meno critico dal punto di vista visivo (ad esempio un piè di pagina), coloro che ne hanno bisogno lo troveranno.

7
benry

Qualche tempo fa recentemente abbiamo fatto alcuni test di accessibilità con lo Shaw Trust (http://www.shaw-trust.org.uk) e il feedback da lì è stato che le dichiarazioni di accessibilità non valevano la pena avere per i seguenti motivi:

  • Il più delle volte diventano obsoleti, il che si riflette solo male sul tuo sito;

  • Solo perché un utente è in difficoltà con l'accessibilità non significa che approccerà l'utilizzo del sito in modo diverso rispetto a chiunque altro. Se non possono usarlo, se ne andranno, il tempo è prezioso e il consenso è che non vogliono leggere l'equivalente di un manuale di istruzioni su come usare il sito;

  • Spesso vengono aggiunti come fattore di benessere per il designer/azienda e in realtà offrono poco valore a coloro a cui sono rivolti (la maggior parte ha confessato di non leggerli mai);

  • Un sito è accessibile o meno - questo apparirà quando qualcuno cerca di usarlo. Chi se ne frega di ciò che dice qualche affermazione.

Naturalmente questo è solo un punto di vista (anche se proveniva da persone a cui le dichiarazioni di accessibilità sono tradizionalmente mirate e dopo aver sentito i commenti di prima mano è un punto di vista che ora condivido anche io)

4
Mike Clarke

L'accessibilità è buona. Dichiarazioni legali e dense sono cattive. Fai una semplice dichiarazione e andrà bene. (Meno di 250 parole)

2
Glen Lipka

Vale la pena avere se le affermazioni sono vere, l'IA può accogliere, il pubblico di riferimento se ne preoccuperebbe e le risorse lo permetteranno. Dipende assolutamente dal caso.

1
Allan Caeg

Dipende da cosa c'è.

Concordo sul fatto che una vaga e generica dichiarazione di accessibilità non ne valga davvero la pena.

Un'affermazione forte diretta, insieme ad alcune istruzioni mirate su come fare il ridimensionamento del testo nei browser comuni, insieme a un modulo di contatto per coloro che hanno problemi d'altra parte .... che potrebbe valere la pena di fare :-)

1
adrianh